Jazz/Recensioni/Recensioni musica

Ibrahim Maalouf, Diagnostic: il disco che spodesta dalle charts il jazz per odontoiatri

di Stefano Bagnacani

Dalla periferia del mondo a quella di una città, cantava De Gregori, secoli fa. Beh è quello che succede tra i solchi, virtuali, di questo disco.  Un lavoro dal cuore antico, in cui dalla eco della Beirut bombardata, nella traccia omonima, si passa alle inquietudini urbane di Banlieue: ottoni che sanno di cemento, elettronica che sa di palme e tramonti nel deserto.

Etno jazz e world music sono tassonomie onaniste. Quello che conta è che il disco jazz che in Francia spodesta dalle charts il jazz per odontoiatri (Keith Jarret etc), e riempie le venues della ville lumiere, solitamente appannaggio delle rock band coi jeans stretti, è un capolavoro di sincretismo laico. Dove rapper hardcore come Puccino possono regalare spoken word da Harlem Rinassence al sapore di Arak; dove un campionamento del Michel Jackson più plastificato si veste di free jazz inquieto; mentre in Never serious, ci spiega come doveva, forse, suonare il blues ai tempi dell’impero ottomano.

Un disco che viene da lontano, quindi, un disco che spiega l’oriente a chi non ci abita, meglio dei film da festival sottotitolati. Sono istantanee da un presente che guarda indietro senza mai trascolorare nel vintage, da sentire in attesa che si abbassi lo spread. Un disco di democrazia (sonora) al potere, in un presente di democrazia (politica) commissariata.

.

.

Ibrahim Maalouf, Diagnostic, 2011

Annunci

2 thoughts on “Ibrahim Maalouf, Diagnostic: il disco che spodesta dalle charts il jazz per odontoiatri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...